Posts Tagged 'outdoor'

Tweet tweet

I media hanno velocità diverse. La televisione è immediata e autoreferenziale: amplifica e si rivolge alla massa delle persone (che non è un dispregiativo, significa che si rivolge a tutti noi, anche di riflesso). I media ambientati (affissioni, ad esempio) sono di passaggio e dipendono dalla presenza fisica delle persone: spesso usati per rafforzare un messaggio già diffuso altrove. La radio è un mezzo immediato ma selettivo. Tra radio e ascoltatori c’è maggiore contatto rispetto a quello della televisione, ma la diffusione di un messaggio è minore e molto più selettiva.
Internet. Un mezzo che si insinua sotto i tappeti. Che si diffonde “dal basso” nella casa del singolo, nella sua vita quotidiana. Un media che invece di guardarlo o ascoltarlo ci entri dentro tutto intero, e navighi come in un mare. Internet è un medium lento. Ha bisogno di molto per attecchire. La pubblicità infatti tende ad usarlo ancora molto poco per ora. Spesso però Internet viene legittimata quando se ne parla alla radio o alla televisione. Perché i tempi sono diversi. Si perché mentre la TV ti scoppia nella mente, internet avrebbe bisogno di molto più tempo per diffondere i messaggi, allargare la propria influenza e il proprio impatto. Però. Se – come spesso succede ma non ho capito bene come – i messaggi che si diffondono in internet vengono captati e poi lanciati sulla stampa quotidiana e soprattutto sulla televisione, allora il loro effetto guadagna improvvisamente le caratteristiche televisive…

Prendiamo Twitter. E’ un mezzo di per sé complesso, molto veloce, direi dispersivo, anche se nella teoria semplice, nella pratica, è da osservare per un po’ prima di riuscire ad entrarci. Eppure. Twitter viene sui media generalisti legittimato per la sua immediatezza, la sua veridicità. Quando alla televisione si sente che “su tweeter hanno documentato in diretta il terremoto in abruzzo prima della sua comunicazione sulla TV nazionale” potrebbe venire in mente che se non ci avessero dato questa notizia alla televisione nessuno se ne sarebbe accorto.E viene da chiedersi se nessuno in TV o sui quotidiani parlasse di twitter o di facebook, quanto questa immediatezza e questa veridicità sarebbe captata. Quanta parte della società fa uso di questi mezzi? E quanto? Chi, soprattutto e come ne fa uso.

Se non ci si mettessero di mezzo TV e stampa, non resterebbe questa un tipo di informazione da verificare per pochi eletti alle nuove tecnologie mediatiche? Non è che si mettono d’accordo fra editori? Si tratta di domande che per un po’ resteranno senza risposta. Si tratta dell’influenza che i media generalisti continuano ad avere sulla società e sugli altri media, anche se forse non ce ne rendiamo direttamente conto. Perché abbiamo una prospettiva troppo ristretta. Tiriamoci su le maniche, e andiamo a guardare meglio.

Advertisements

Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • Be evil
    Il motto di Google era “don’t be evil”. Ma da qualche tempo non lo è più, dice Kate Conger su Gizmodo. via Nexa The post Be evil appeared first on Luca De Biase.
    Luca De Biase
  • Interfaccia
    L’interfaccia non è solo uno strumento per collegare il cervello e il digitale. È potentemente simbolico, è sostanzialmente linguaggio, è profondamente messaggio. Due letture da non perdere: Screen Time Is Changing Our Brain Circuitry, di Maryanne Wolf How Design Can Make Tech Products Less Addictive, di Vivek Wadhwa e Alex Salkever Children are tech addicts […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • Vacations
    Love cannot be desired because it is an end in itself. It cannot betray because it has nothing to do with possession. It cannot be held prisoner because it is a river and will overflow its banks. #HIPPIE (already in Portugues, Français, Turkish, Greek, Italiano. Worldwide >>> http://bit.ly/2KthAfg Getting ready for the release of my […]
    Paulo Coelho
  • 4 Ways to Overcome the Fear of Failure
    by Grace Gordon, Huffington Post 1. Accept that failure is a reality. Let’s be real here. No matter how much you learn and move forward from a failure in life, the fact of the matter is that failure does happen – even to the best of us. But you know what? Who cares! I’ve personally […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

August 2018
M T W T F S S
« Mar    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Advertisements