Posts Tagged 'individual'

Istruzioni per il viaggio

Buongiorno, l’appuntamento per partire è al prato delle margherite.
Se non sapete come arrivarci, non preoccupatevi, è facile.

Queste sono le istruzioni che dovrete seguire se vorrete intraprendere il viaggio in Brandland.

Nello zaino potrete mettere ciò che volete, non ci sono limiti di spazio poiché tutti gli elementi che deciderete di portare saranno puramente nella vostra immaginazione.
qualche esempio:
– stetoscopio e lente di ingrandimento
– orsacchiotto dell’infanzia
– ginocchiere e maschera da sub
– asciugamano
– vocabolario, corano o bibbia
– la storia d’italia
– pennino usb
– matite e quaderni
– ricetrasmittente
– scarpe da trekking e ciabatte per gli scogli
– fornello da campeggio
– carte da gioco
– candele
– pop corn
– dieci diamanti
– una trivella
– una cassa di vino del 1970

Alice sarà la nostra accompagnatrice.
Non si tratta proprio della molto nota Alice di Lewis Carrol, altrimenti non ci sarebbe gusto.
La nostra Alice è stata preparata a scoprire Brandland (dopo aver già vistato Wonderland) e sarà colei che stimolerà i nostri pensieri per la traversata. Altri personaggi potranno fare capolino nella storia.

Advertisements

Pubblicità inconsulta

stavo leggendo la mail, su hotmail.

va bene che quando apri la pagina principale compaia un box in cui sono confinati dei link pubblicitari.ma va bene anche che quando sto leggendo la mia mail privata debba comparire anche una bella schermata della nuova crema anticellulite della Nivea, per coprire completamente la mia mail e impedirmi una lettura serena?

ci sono momenti in cui mi chiedo a che cosa servano tutte le belle teorie di “permission marketing” (su wikipedia la definizione: http://en.wikipedia.org/wiki/Permission_marketing) che vengono diffuse negli ambienti del marketing postmoderno.

Seth Godin – principale diffusore della teoria – racconta in questo video come si debba perpetuare un clima di “Mi scusi, gentile utente, le posso chiedere il permesso di introdurmi nella sua casella di posta privata?”

Microsoft non deve aver assistito alla conferenza, visto che si parlava di Google, ed ecco che io mi ritrovo un bel sederino lucidato sulla mail di mia zia…
Anche la rete dunque, che dovrebbe rappresentare democrazia, libertà e indipendenza, è invece manipolata da una normale oligarchia al potere che guida le nostre scelte e – seppure permettendoci di fruire di servizi gratuiti – ci costringe a sorbire finestre scorrevoli che spingono ancora e ancora ad un paradigma di consumo che sembra invece aver stufato la maggior parte delle persone?

Ma ci ha stufati davvero questo paradigma del consumo per forza, consumo in tutte le forme, dalle esperienze al cibo alla bellezza al tempo libero alla vacanza all’oggetto alla casa al relax – o ne siamo davvero assuefatti?

E’ come il bastone e la carota. Voi cosa preferite?

La vera possibilità di scelta sta fose nell’uscire dal bastone e dalla carota….scegliendo che ne so…un piccone e un paletto con cui piantare la propria tenda….?

Subvertising e consumi: lo chiamavano il “doppio vincolo”

obsession

Siamo vittime e artefici del mondo dei consumi: e dobbiamo abituarci a questo. Oltre al fatto che per uscirne o migliorarlo senza diventarne schiavi o passivi assorbenti di informazioni, è fondamentale conoscerne i meccaniscmi. I rischi sono poi quelli di far critica rilanciando lo stesso mondo dei consumi: io porto una provocazione, e mi piacerebbe essere smentita.

“L’interferenza culturale, o culture jamming, è una pratica che consiste nel parodiare gli annunci pubblicitari e nel deturpare i cartelloni per alterarne drasticamente il messaggio. I «sabotatori» (jammer) ovvero i contraffattori di annunci pubblicitari partono dal presupposto che tutti hanno il diritto di rispondere a immagini che non hanno mai chiesto di vedere, dato che le strade sono spazi pubblici e dato che la maggior parte dei cittadini non può permettersi di controbattere ai messaggi lanciati dalle aziende con degli annunci propri”, (Naomi Klein, No Logo)
Le sottoculture sovversive del passato (parliamo degli anni del boom dei consumi) si sono appropriate di forti segni di identificazione – come facevano ad esempio i punk. Entravano in conflitto con un sistema in espansione ed adottavano metodi originali per protestare.
Oggi stiamo correndo verso una specie di vicolo cieco e simmetricamente sdoppiato. Oggi siamo costretti a conoscere i meccanismi della società dei consumi perché fanno parte di noi, anche se non ce ne rendiamo conto. Sono così tanto parte di noi che anche critici fanno uso delle forme di comunicazione dell’industria dei consumi, perdendo in gran parte la loro forza di proetsta.
Continue reading ‘Subvertising e consumi: lo chiamavano il “doppio vincolo”’

Alice si presenta!

ALICE: “Buongiorno a tutti, mi presento: il mio nome è Alice. Ho l’incarico di trovare una via per uscire dalla fase di rottura del nostro dramma sociale. Inoltre, di identificare le tendenze della marca nel tempo dell’incertezza, e della società, dei consumi, della comunicazione nel futuro che cambia Il mio compito è estremamente difficile, tanto che non so se riuscirò a portarlo a termine. Pensavo che potreste aiutarmi a svolgere il filo della narrazione; da sola, sarebbe davvero impossibile! Il nostro viaggio inizia qui, nella fase di rottura della società postmoderna (vedo società in cui chi legge vive di sicuro!). Che ne dite di partecipare? . I nodi tematici che affronteremo sono  la società e gli individui, la critica alla marca, i media in evoluzione, l’identità visuale, il marketing e l’economia, la sostenibilità per arrivare alla definizione di una marca ideale.”

Continue reading ‘Alice si presenta!’


Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • Il riconoscimento facciale non ci azzecca alla polizia di Londra. E altri studi
    L’80% delle volte, il sistema di riconoscimento facciale usato dalla polizia di Londra sbaglia. L’80% delle volte. Lo hanno calcolato alcuni ricercatori dell’università dell’Essex (Forbes). In particolare sbaglia generando falsi positivi, cioè crede di riconoscere criminali e terroristi in persone assolutamente prive di precedenti. Percentuale ridicola. I po […]
    Luca De Biase
  • Mathew Ingram, James Carey, la media ecology, il giornalismo e la comunità
    Mathew Ingram, meritatissimamente, riceve oggi il James Carey Award della Media Ecology Association. Al congresso sulla Media Ethics, a Toronto, ha ricordato come Carey abbia sottolineato il fatto che le persone non cercano necessariamente nelle notizie una conoscenza di come stanno le cose e che invece ci trovano semplicemente conferme sulle loro convinzion […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • Paulo Coelho: Now Our Supporter
    by WorldReader Our library just got bigger. More precisely, three new books have been added to our existing collection of over 28,000 e-books. But these aren’t just any books – these three best-selling titles were donated by Paulo Coelho, considered to be one of the most influential authors of our times. The three donated books […]
    Paulo Coelho
  • Vacations!
    Although I enjoy my work a lot (once I tweeted: “if you do what you love, every day is a holiday”) I need to stop being in front of the computer – and this is the main reason for taking vacations. I will be back by the end of August. Meanwhile, you can download to […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

July 2019
M T W T F S S
« Mar    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Advertisements