Posts Tagged 'greener'

Cerca una parola, pianteranno un albero: viva i consumatori inquinati

 


(http://www.ecocho.it/)
pensate quale trovata per questo motore di ricerca.
uno cerca una parolina e i gestori vanno a piantare un alberello.
come si fa a verificare la piantagione? sul sito ti fanno vedere delle foto, ci sono dei link ma….mah.

il motore di ricerca ecologico si appoggia a yahoo e google. solo che google per ora pubblica un annuncio in cui dice di aver stoppato il servizio per….non si capisce bene perché.
Si dichiarano così: “We’re not a charity or non-profit organisation, we’re a business. We are, however, environmentally-focused“.

E via con il trend sostenibilità ambientale.
E a noi utenti considerati ancora meri consumatori chi ci pensa? 

Ci sono comunque idee peggiori ad ogni modo. Pensate se tutti i grandi uomini d’affari si mettessero a piantare alberi o pulire i fiumi, le spiaggie, investissero non nel petrolio ma in una fonte energetica rinnovabile. sarebbe già un passo.

e così per chi fa comunicazione.
vorrei lanciare un appello per la comunicazione sostenibile: signori e signori, non sono la prima a dirlo, l’inquinamento non è solo atmosferico, è anche visivo, mentale, sonoro. siamo imbottiti di comunicazioni spesso illogiche e sempre invasive. si può fare qualcosa per migliorarci?

una forma di comunicazione diversa – meno invasiva – socialmente utile – contaminata da persone provenienti da ambienti molto diversi ma unite da curiosità e interessi, potrebbe togliere un po’ di questo inquinamento…?

Terrorismo ecologico

idea… forse non è così originale
ma è comunque un’idea
….
durante il Salone del Mobile di Milano,
distribuire bustine piene di semi.
Semi di qualsiasi tipo…petunie, girasoli, pini, aceri, baobab, margherite,
e poi fare del terrorismo ecologico (sostenibile) con l’invito a
svuotarli in ogni aiuola, rotaia del tram, vaso o siepe milanese e 
non solo.
che ne dite?

se l’idea viene accolta, mi muovo subito per avviare la produzione!

Ciao, Matilde P.

Saman, il topo spirito e l’ultimo petalo

Per la prima volta, dopo anni e anni di onorata carriera Saman si rifiutò di eseguire il proprio lavoro. Ho pulito cantine al Sultano del Petrolistan, sgomberato solai della Tour Eiffel, svuotato campane del vetro ad Atlantide e spazzato marciapiedi polverosi nel deserto-pensava tra sé- e mai, dico mai, ho dovuto buttare un fiore prima che l’ ultimo petalo fosse caduto.
Grugno e Ringhio, i suoi due raffinatissimi colleghi vedevano semplicemente un netturbino col cappello di Mago Merlino piangere di fronte al bidone dell’ umido sotto il cavalcavia di Viale Monte Ceneri. Qualcuno avrà buttato una tonnellata di cipolle, pensò Ringhio sgranocchiando una bottiglia di Dom Perignon; avrà schiacciato sotto il bidone il mignolino del piede, sospirò Grugno, scolandosi una tanica di liquido per le batterie delle auto. Nessuno sapeva che Amazzonia, lo spirito del respiro del pianeta aveva scelto Saman anni prima come suo messaggero.

Saman aveva appena dieci anni e stava finendo di prendere la sua quarta laurea in “Semantica delle cose giuste” e “Filosofia delle cose sbagliate” quando, leggendo il futuro nei riflessi d’ olio in una pozzanghera, capì che non avrebbe fatto né l’ astronauta né il Presidente del Mondo ma lo sciamano della pattumiera o qualcosa di simile; capì che la sua vita non sarebbe stata come quella degli altri: salutò famiglia, amici veri e invisibili, animali veri e giocattoli e iniziò la sua nuova vita in un ampio monolocale di tre metri quadri nella periferia più periferica di Milano.
Continue reading ‘Saman, il topo spirito e l’ultimo petalo’


Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • Verifica giornalistica dei video
    Il New York Times ha pubblicato un video che mostrava come il jet ukraino precipitato in Iran fosse effettivamente stato colpito da un missile. Ecco come ha verificato la fonte e il documento: How the New York Times verified the Iran missile-strike footage The post Verifica giornalistica dei video appeared first on Luca De Biase.
    Luca De Biase
  • Riconoscimento sfacciato
    In Europa si discute se vietare il riconoscimento facciale nei luoghi pubblici (EU considers temporary ban on facial recognition in public spaces). Non è chiaro se questo implichi soltanto il divieto di utilizzare i software che prendono le immagini del presente di persone da identificare e le confrontano con archivi di immagini del passato di […] The post R […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • The problem of the others
    There was once a well-known scholar, who lived in a mountain in the Himalayas. Tired of living with men, he had chosen a simple life and spent most of his time meditating. His fame, however, was so great that people were willing to walk narrow paths, climb steep hills, swim rivers – to meet the […]
    Paulo Coelho
  • Paulo Coelho: ‘I had an enormous amount of fun being a hippie’
    The Brazilian-born writer on wealth, travel and having coffee with strangers The Observer Writing means sharing. It’s part of the human condition to want to share things – thoughts, ideas, opinions. I discovered very early in life that the best way for me to communicate is through my writing, but it took me years to […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

January 2020
M T W T F S S
« Mar    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031