Posts Tagged 'development'

Donne di una volta

Mia nonna è nata nel 1921. Ha vissuto la seconda guerra mondiale e vissuto la maggior parte della giovinezza in campagna, dove faceva la contadina. La sua famiglia era una famiglia di contadini. Mia nonna poi si sposò e venne in città, a Piacenza. Avevapassato l’adolescenza fra zanzare risaie e balli di paese, quando ce la lasciavano andare. Era una donna bella. E le piaceva ballare, cantare, cucinare. Voleva imparare a guidare la vespa, e mio nonno glielo impedì. Voleva imparare a guidare la macchina, e mio nonno non glielo permise. Le piaceva andare a ballare la domenica e il nonno non sempre aveva voglia di accompagnarla perché era stanco dal tanto lavoro della settimana. La nonna si organizzò così: andava a pulire le scale dei palazzi la mattina presto, e il pomeriggio a casa cuciva pigiami come oggi fanno i cinesi, veniva pagata al nero per un tot di pigiami confezionati. I soldi che guadagnava li usava per comprarsi i vestiti belli come piacevano a lei e le scarpe, piccole gioie di bigiotteria o altre piacevolezze. Cantava, e a me quando fui sua nipote disse sempre di essere fiera, e di essere forte. Mi diceva che non importava avere un marito se non lo amavi o non eri contenta. Piuttosto, divorziare, diceva. Mi diceva di contare su me stessa e di non avere mai paura. Di non fare mai figli se non ero sicura e non potevo mantenerli.
Ora nei giorni nostri dove tutto possiamo vengono confuse la femminilità, la fierezza e la fermezza con l’aggressività, l’acidità, il controllo. Vedo gli uomini impallidire, e reagire altrettanto aggressivamente. Vedo venire a mancare le vecchie galanterie (e non crearsene di nuove) vedo abbandonare le minime abitudini di rispetto maschio/femmina nel quotidiano e per le strade.
Oggi una donna passeggia con lo sguardo a fessura e il petto fuori, ti guarda dall’alto in basso anche se sei più alto di lei di una spanna e mezza, esordisce sempre con un “Allora?”.

Identità da far fiorire e rifiorire

Pesano quintali. Quasi tutti se ne ricordano la sagoma.  Appaiono in fila, su una distesa verde.  Possiedono una storia. Irradiano un’energia vitale che non si è esaurita nei lungi secoli. Possono insegnare. Collegarsi a un canale che porti la loro energia in giro per il mondo, ne effettui un ricambio, la rinvigorisca e la rinfreschi. Per farla tornare lì, proprio da dov’era partita. Siamo a Rapanui, uno scienziato un giorno sbarcò sull’isola. Si chiamava Francesco di Castri e – anni dopo –  parlò di empowerment.

Riconnettere al mondo un’identità per far rifiorire il suo patrimonio energetico, che si ravviva con lo scambio fra culture e tempi., abitudini e popoli.

Rapanui fu scoperta solo intorno al 1700, ma la sua storia è profonda e appassionante. Si snoda fra secoli di violenze, intrecci sanguinosi, misteri e fatti curiosi o commoventi.


Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • Batteri mutanti resistenti agli antibiotici coltivati negli allevamenti di polli indiani
    Una delle grandi crisi emergenti nell’ecologia globale è lo sviluppo di batteri che mutano in modo da essere resistenti agli antibiotici. Questo avviene a una velocità tanto maggiore quanto più massicciamente si usano antibiotici senza che sia strettamente necessario. E una storia pubblicata oggi dal Financial Times racconta uno dei luoghi più pericolosi del […]
    Luca De Biase
  • Democrazia intelligente – Netz, una lettura – Floridia
    La questione scandalosa è che il modo di decidere cinese sembra più efficace di quello europeo, per non parlare della politica americana, ultimamente. Noi ci ammazziamo di polemiche, sommersi dal professionismo della raccolta facile di consenso immediato, ottenuto coalizzando gli animi contro qualcosa o qualcuno. I cinesi non lasciano spazio alla polemica. C […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • Onze Minutos (resumo)
    Quando estamos entre quatro paredes, terminamos por nos descobrir como animais assustados, inseguros, frágeis. O que deveria ser um momento mágico se transforma em um ato de culpa, de achar-se sempre aquém das expectativas dos outros. Esquecemos que esta é uma das poucas situações na vida em que a palavra ‘expectativa’ precisa ser banida por […] […]
    Paulo Coelho
  • Vacations
    Begona Miguel of the Huelgas Monastery says: “San Juan de La Cruz teaches us that silence has its own music; it is silence that enables us to see ourselves and the things around us. “I would like to add that there are words that can only be said in silence, odd as that may seem. […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

July 2017
M T W T F S S
« Mar    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31