L’occhio o il rossetto ?

Immagine 1Sta piovigginando. Sono sulla bicicletta a zonzo, intorno alle 19, per le strade di Milano e c’è traffico, aria gonfia di tubi di scappamento, un sacco di persone nervose che esplodono fuori da uffici e negozi, un’aria appiccicosa che ti rimane addosso e traspira dalla pelle per tutta la notte. Pedalo. Vado a zonzo. Pedalo. Pioviggina e forse è ora di raggiungere casa. Però… Ho voglia di fare un salto allo spazio fotografico Forma, che non sta lontano da dove mi trovo. C’ un discreto numero di persone che stazionano all’ingresso e – strano visto che di solito non ci sono code -. In effetti anche stavolta non c’è coda. C’è solo un po’ di gente sparsa che blatera o blatera fumando. Entro. Scopro di essere finita per caso all’inaugurazione della nuova mostra in programma, Nippon Kobo, espongono 13 fotografi della Maison Europeenne de la Photographie, tutti giapponesi. E’ persino gratis. Nonostante lo smog appiccicato sulla pelle, i capelli scarmigliati e l’abitino da ufficio un po’ stropicciato mi faccio largo. Scopro di essere l’unica a non avere i tacchi e ad avere i capelli spettinati e la faccia sicuramente stanca e lucida. Passo sotto gli angoli sperando di non essere troppo notata e scrupolosamente tengo gli occhi incollati alle fotografie. Sono sguardi. Improvvisamente colgo una piccola storia intima, una storia a dire il vero tragica, quella di una donna, con un gatto, che balla. Poi la stessa donna, che è in ospedale – vediamo solo la sua mano stretta ad un’altra – e poi il suo gatto ripetuto, poi la donna fra i fiori di una bara, e… Mi viene da piangere. Non so come un fotografo (Noboyushi Araky ) abbia potuto raccontare una tragedia – era la donna sua moglie – con uno sguardo così intimo e quasi sereno. Proseguo e commossa mi fermo su alcuni altri sguardi ripiegati in una quotidianità in evoluzione, in un giappone antico e moderno piegato ai ritmi del consumismo o dagli strascichi della guerra mondiale. Ci sono altri punti di vista che mi commuovono. Un occhio lucido sulle costruzioni umane, fredde e non abitate dagli uomini: come possiamo essere animati da tanta freddezza per costruire le nostre case, i nostri monumenti moderni?
Proseguo e noto fuori dalle foto sempre più tacchi, gonne, pizzi che si sfiorano, profumi speziati e colori. Alzo un poco lo sguardo sempre senza farmi vedere e mi trovo circondata da belle donne, uomini discretamente strambi ma molto di tendenza e li vedo chiacchierare, sorridere, sventolarsi, sbaciucchiarsi con la punta delle labbra protese, li vedo rincorrersi, gli uomini che chinano di lato la, testa, le donne con le labbra dipinte e il sorriso a 33 denti, e si aggirano fra le foto e quasi nessuno sembra guardarle veramente. Allora mi sono domandata. Ma chi sono queste persone? Perché seguono la fotografia? Cosa fanno? Che cosa è la fotografia oggi?
La mia risposta in base a ciò che ho visto nelle foto è stata che la fotografia oggi è uno sguardo, non una qualità tecnica o scenica, è il saper guardare e offrire agli altri uno sguardo umano, un punto di vista, un’avventura, un segreto svelato. In base a quello che ho visto fuori dalle foto la fotografia oggi è un ritrovo per ricchi di tendenza che si osservano fra loro alla ricerca di uno scatto in più. Posso sempre errare.

Advertisements

0 Responses to “L’occhio o il rossetto ?”



  1. Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • Unctad sente aria di sfiducia
    La conferenza dell’Onu sul commercio e lo sviluppo (Unctad) segnala come una recente survey di CIGI e Ipsos registri una maggiore consapevolezza e preoccupazione per la privacy online e che un 49% di coloro che non usano l’ecommerce lo fanno per mancanza di fiducia (Unctad by mail). The post Unctad sente aria di sfiducia appeared first on Luca De Biase.
    Luca De Biase
  • Facebook e gli editori si allontanano
    Kurt Gessler della Chicago Tribune ha fatto rumore con un post che racconta come stia diminuendo il traffico generato da Facebook per il giornale (Medium). A quanto pare è un fenomeno che riguarda molti editori (Digiday). Facebook di sicuro sta facendo molti movimenti nel mondo delle news. Ma la sua priorità è pensare alla lotta […] The post Facebook e gli e […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • Being merciless
    I am wearing a strange green outfit, full of zips and made from a very tough fabric. I have gloves on too in order to avoid cuts and scratches. I’m carrying a kind of spear, almost as tall as I am: the metal end has three prongs on one side and a sharp point on […]
    Paulo Coelho
  • 39 SEC READ: The natural order
    A very wealthy man asked a Zen master for a text which would always remind him how happy he was with his family. The Zen master took some parchment and, in beautiful calligraphy, wrote: “The father dies. The son dies. The grandson dies.” “What?” said the furious rich man. “I asked you for something to […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

More Photos
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

July 2009
M T W T F S S
« Jun   Aug »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

%d bloggers like this: