Un Paese chiamato Brandland…

Sonnecchiavo, nel bel sole del pomeriggio. Socchiusi gli occhi, vidi passare un coniglio bianco. Aveva il panciotto e un orologio da taschino. Pensai che era impossibile, non potevo aver visto un coniglio con il panciotto e l’orologio da taschino… Però. Era caldo, la sonnolenza mi faceva cadere la testa. La mia micetta miagolò. Cominciava a trotterellare lontano dall’albero sotto il quale riposavo. Spazientita e un po’ curiosa pensai di alzarmi, e quasi senza rendermene conto correvo, inseguendo il Bianconiglio.white-rabbit-1 Quando il Bianconiglio entrò nell’incavo di un grande albero, fui trattenuta dal dubbio: dovevo o no avventurarmi in quel posto buio e sconosciuto? Alzai le spalle e pensai che quello doveva essere il modo per entrare nel Paese di cui mi avevano parlato. Dicevano di un Paese dove tutto sembra scorrere perfettamente normale, e le persone sono serissime. Ci sono soprattutto grandi persone in questo strano Paese. Dicono che in realtà tutte le cose più matte possono succedere. E’ Paese dove le filastrocche ti escono fuori al contrario e con parole diverse, dove le persone camminano alla rovescia sui loro passi. Dove ti dicono le cose e fanno il contrario, dove incontri le bizzarrie più bizzarre che ci siano ma tutti – tutti – sono serissimi nel continuare la pantomima. Ci sono strane persone che si ostinano a farsi del male dicendo a tutti che si stanno facendo del bene, oppure persone che cercano di aiutare altre persone e invece fanno loro del male. Vengono indette gare di bruttezza e olimpiadi dello snaturamento, appesi grandi manifesti per spaventare i passanti. Dicono che organizzano grandi feste dove tutti cercano di perdere i sensi e chi non ci riesce viene per sempre escluso. Possono capitare alcune sventure, se non ci si ravvede del sentiero preso, per esempio incappare in un “bombardamento mediatico” (non ho bene capito cos’è ma so che è molto pericoloso). In generale bisogna stare molto attenti a non cadere nel “Sonno Sprofondo” – si dice che sia uno strano male che provoca lo spegnimento del cervello per asfissia ma il resto del corpo funziona anche se le azioni che fa il corpo così svuotato non hanno più senso. (…) E’ pieno di strilloni, che si servono delle tecniche più innovative per convincere la gente a fare questa o quell’altra cosa, senza che naturalmente tutto questo abbia il minimo senso per qualcuno. Ci sono alcuni che son costretti ad accumulare una cosa invisibile e per farlo devono fare molte malefatte senza farsene accorgere. Tutti si spostano. corrono molto in questo stupefacente Paese e la maggior parte si vestono in maniera bizzarra e guai a te se dici loro qualcosa, si arrabbiano molto se vengono contraddetti o smontati nella loro serietà. Tutte le persone sono molto informate su tutti i pettegolezzi che gli strilloni mettono in giro, ma quasi nessuno verifica le informazioni, così, si assiste a un circolo di detto e stradetto da cui nessuno esce più – e della verità non gliene frega un fico secco a nessuno. Una cosa divertente è che tutti per sport sono costretti a esprimere la loro opinione su qualsiasi cosa e tutto sembra valere senonché poi una mano invisibile detta agli strilloni cosa deve valere e cosa no, e infine tutti si ritrovano a far cose matte senza capire più perché. Poi devono sempre comprare degli oggetti che nella maggior parte di casi non gli servono. Scambiano una cosa invisibile con un oggetto e ogni giorno sono costretti a ricominciare. Nessuno mai si ferma. Ci sono poi alcuni luoghi dove niente è mai partito e alcune persone giacciono lì accasciate e inermi, lontane dall’urlo degli strilloni. Ci sono spinte molto forti e molto sotterranee che dettano l’andare di queste piccole follie tenendone alto il tenore e l’incomprensibilità – ma non possono dettare legge per tutte le anomalie del sistema. Mi hanno detto, infatti, che ci sono anche dei saggi nel paese. Dei Saggi e degli Artisti. Quelli si incontrano se si è forunati e si cerca bene. C’è sempre da farsi grasse risate e assaggiare tutti i gusti pensabili e impensabili. Ci sono molte meraviglie molto nascoste – mi hanno detto che compensano tutti i pericoli in cui si rischia di incappare perché sono troppo belle. E’ questo il Paese del troppo e del troppo poco, del misterioso e del curioso, il pasese delle matrici da risolvere per vedere l’uscita e trovare le meraviglie.

Advertisements

0 Responses to “Un Paese chiamato Brandland…”



  1. Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • Uber cerca di sostenere la sua valutazione virtuale
    Con tutti i guai che ha, Uber cerca di farsi confermare la megavalutazione virtuale di 68 miliardi di dollari. Ma non essendo quotata deve usare qualche trucco: vendere a sconto sul mercato secondario e vendere ad alta quotazione una piccola parte di azioni nuove (Bloomberg). L’Arabia Saudita aveva investito quasi 3.5 miliardi di dollari per […] The post Ube […]
    Luca De Biase
  • Goldman Sachs aumenta le trattazioni automatiche
    Goldman Sachs espande il numero di titoli obbligazionari che tratta in maniera totalmente automatica. Sono i bond più piccoli a quanto pare. I grossi affari sono seguiti ancora da esseri umani. Altri operatori, come Millennium Advisors, dicono di preferire ancora un approccio misto, nel quale le macchine servono di supporto ma le decisioni sono prese […] The […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • Onze Minutos (resumo)
    Quando estamos entre quatro paredes, terminamos por nos descobrir como animais assustados, inseguros, frágeis. O que deveria ser um momento mágico se transforma em um ato de culpa, de achar-se sempre aquém das expectativas dos outros. Esquecemos que esta é uma das poucas situações na vida em que a palavra ‘expectativa’ precisa ser banida por […] […]
    Paulo Coelho
  • Vacations
    Begona Miguel of the Huelgas Monastery says: “San Juan de La Cruz teaches us that silence has its own music; it is silence that enables us to see ourselves and the things around us. “I would like to add that there are words that can only be said in silence, odd as that may seem. […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

June 2009
M T W T F S S
« May   Jul »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

%d bloggers like this: