Operai del Futuro

ALICE: “A parte che vorrei capire meglio cos’è il capitalismo oggi…E se qualcuno sa dirmi qualcosa – ben volentieri accetto aiuti. Oggi però vorrei raccontarvi una storiella.”
PUBBLICO: “Si si raccontacela! Dai, dai!”libro
ALICE: “Oh. Che lusinga. Mi sa che siete un pubblico di parte…tipo quelli che applaudono ai programmi TV.”
PUBBLICO: “OOOOHHHH…. Nooooo. No di certo! Noi siamo qui per lavorare!
ALICE: “Beh. Proprio di lavoro si tratta. La storiella dico. E’ una storiella sul lavoro. Piccolo aneddoto interessante sulla società post-post-capitalistica (quella attuale).”
PUBBLICO: “Brrrrr, che tensione…”
ALICE: “Ehm. Potreste anche smettere di commentare tutto. Ok. Comincio. Ho letto sul settimanale D-Repubblica un’intervista di un signore, uno che ha deciso di investire il proprio patrimonio (si fa per dire, ne avrà avuto per mantenersi visto che è figlio di un famoso finanziere, che storia affascinante!) in un fantastico viaggio di due anni intorno al mondo per seguire la conformazione del mercato del lavoro di oggi. Ha preso come esempi 10 casi, fra cui la filiera del tonno e quella dei biscotti, dalla pesca alla preparazione, alla brandizzazione.”
PUBBLICO: “Ma i biscotti non si pescano!”
ALICE: “Ma che siete pagati a fare voi, i cocoriti? Tsé. Questi pubblici a pagamento… Ad ogni modo, dicevo. Questo signore, De Botton si chiama, ha espresso con parole coincise il senso della fregatura del capitalismo e il motivo della frustrazione che coglie i lavoratori di oggi.”
PUBBLICO: “Ma dai? E perché sarebbero frustrati?”
ALICE: “Secondo Alain De Botton, il capitalismo ha giocato sulla grande burla a cui tutti hanno creduto e stanno credendo: ovvero che il lavoro deve rendere felici, mentre una volta si pensava solo al lavoro come fatica e sudore.”
PUBBLICO: “OOOOHHH.”
ALICE: “Dite voi. Ma pensateci bene. Oggi tutti credono di potersi realizzare nel lavoro, e invece contribuiscono solo ad inpinguare le file degli operai del futuro, cioè quelli che una volta erano alienati per la catena del lavoro o quelli che ancora prima erano abbruttiti dal lavoro dei campi. Oggi sono quelli abbruttiti dal lavoro al computer, chiusi in un ufficio di un palazzo fatto a carcere, che accoglie e tiene stretti i propri dipendenti, che dipendenti dal lavoro diventano sperando che un giorno, un giorno, un giorno. Ma quel giorno poi non sempre arriva e tutti questi lavoratori si ritrovano con un palmo di naso, per non aver investito magari anche su altre sfere della propria esistenza.”
PUBBLICO: “Oh. Ma…Non ci piace tanto questa cosa. Brutta faccenda!”
ALICE: “E il capitalismo, trae vantaggio da questo mito del lavoro che rende felici – perché si basa proprio sulla massimizzazione della produttività e del consumo.”
PUBBLICO: “Ci hanno ingannati dunque?”
ALICE: “Lascio a voi la riflessione, per ora. E consiglio di acquistare questo libro quando uscirà in Italia.”

Advertisements

2 Responses to “Operai del Futuro”


  1. 1 mario 2009/06/05 at 10:38 AM

    A proposito di lavoratori abbruttiti dallo stare davanti al computer, ti segnalo questo post.
    Hai ragione, Alice, il lavoro non sempre rende felici e l’esistenza ha molteplici aspetti che talvolta questa società sembra ignorare.

  2. 2 aliceinbrandland 2009/06/08 at 9:36 AM

    Caro Mario, grazie per la segnalazione. Trovo un interessante esperimento quel blog “Resistenza Umana” (http://resistenzaumana.it/la-leggenda/). Tutto indica che assistiamo nella società ad un principio di risveglio. Implica che non è vero che tutti sono anestetizzati, ma proprio tutti. Non è vero che tutti si sono fatti abbindolare. Non è vero che non ci sono speranze perché siamo tutti drogati di consumo e produzione forsennata di plusvalore. E’ questo “tutti” ad essere profondamente ingannevole. Forse, ci sono ancora delle vie di uscita. E’ bene metterle insieme, almeno cominciare a farlo. A presto.


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • Uber cerca di sostenere la sua valutazione virtuale
    Con tutti i guai che ha, Uber cerca di farsi confermare la megavalutazione virtuale di 68 miliardi di dollari. Ma non essendo quotata deve usare qualche trucco: vendere a sconto sul mercato secondario e vendere ad alta quotazione una piccola parte di azioni nuove (Bloomberg). L’Arabia Saudita aveva investito quasi 3.5 miliardi di dollari per […] The post Ube […]
    Luca De Biase
  • Goldman Sachs aumenta le trattazioni automatiche
    Goldman Sachs espande il numero di titoli obbligazionari che tratta in maniera totalmente automatica. Sono i bond più piccoli a quanto pare. I grossi affari sono seguiti ancora da esseri umani. Altri operatori, come Millennium Advisors, dicono di preferire ancora un approccio misto, nel quale le macchine servono di supporto ma le decisioni sono prese […] The […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • Onze Minutos (resumo)
    Quando estamos entre quatro paredes, terminamos por nos descobrir como animais assustados, inseguros, frágeis. O que deveria ser um momento mágico se transforma em um ato de culpa, de achar-se sempre aquém das expectativas dos outros. Esquecemos que esta é uma das poucas situações na vida em que a palavra ‘expectativa’ precisa ser banida por […] […]
    Paulo Coelho
  • Vacations
    Begona Miguel of the Huelgas Monastery says: “San Juan de La Cruz teaches us that silence has its own music; it is silence that enables us to see ourselves and the things around us. “I would like to add that there are words that can only be said in silence, odd as that may seem. […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

June 2009
M T W T F S S
« May   Jul »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

%d bloggers like this: