Confusion-navigators: una nuova specie di scrittori

Era un bel mattino di primavera, il sole raso appena tiepido fra le persiane, e Alice si svegliò. Era tutta intirizzita dal lungo inverno passato in letargo, gli occhi disabituati alla luce. Si prese un po’ di tempo per girottolare nella sua piccola casa, che da tempo sembrava non vedere. Poi, decise di aprire la finestra.alice-bottle

Le notizie passano veloci, in quantità molto superiore alla capacità del nostro umano cervello, passano sotto, sopra, dietro, attraverso ogni oggetto che è diventato un messaggio, un radiatore mediatico. Che cosa spinge tutto il popolo della rete, ad esempio, a produrre altri contenuti, vista la situazione di oversaturazione e overesposizione? Perché, o popolo della rete, sentiamo la necessità di allargare a dismisura il raggio della diffusione di pensieri, idee, conoscenze senza aver poi il tempo o la capacità di venirne a capo? Dove vogliono andarsene tutte queste informazioni? In una giornata tipo, se fossimo informati cittadini, potremmo leggere: uno o due quotidiani (ci vuole almeno 2 ore per leggerne tutto uno e non mi dite che non si dovrebbe leggere tutto il quotidiano perché allora hanno ragione a tagliarli), parte magari di qualche settimanale (che se è l’Internazionale ci vogliono almeno 1 ora e mezza), delle notizie on line (1h), dei blog di nostro interesse (45min), qualche pagina di un libro di saggistica per lavoro (40 min), e magari se ci sta un pò del romanzo che ci piace tanto (30min)…Poi la TV dopo cena (1h), tutti i messaggi che ci passano da tutte le parti mentre ci muoviamo in città (?). Totale di una dieta non eccessiva: 7 ore a dirla stretta. Di 15h circa che stiamo svegli, andiamo a lavorare, mangiamo, magari riposiamo un poco.

Vi interpello direttamente, e vorrei sapere cosa ne pensate, o blogger lettori miei. Come si fa a non subire un blocco del cervello causa esaurimento posti e congestione da notizia impazzita?
Probabilmente, come ha dichiarato Luca De Biase nel suo articolo “il senso della notizia” uscito su Nòva qualche settimana fa, la professione di chi scrive oggi (parlava, lui, dei giornalisti, ma noi potremmo includere anche scrittori, saggisti, professori, persino gli artisti) conquisterà un’evoluzione fondamentale della propria specie trasformandone gli adepti da produttori (scriptor artigianis) in selezionatori (confusion-navigators) di questo magma informativo che strabilia il pubblico e lo gonfia tanto da renderlo incapace di reagire o capire da dove cominciare.

Aperta la finestra, e superato il primo rischio di infarto, Alice decise di lanciarsi sulla sua navicella motorizzata volante e di andare alla ricerca di un Confusion-navigator per orientarsi, continuando a rischiare il crepacuore ad ogni curva per i troppi oggetti volanti nell’aria.

Confusion-navigators, dunque. Andiamo alla loro ricerca. Ne conoscete qualcuno?

Advertisements

0 Responses to “Confusion-navigators: una nuova specie di scrittori”



  1. Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • Retroguardie. Toys R Us e Rolling Stone. Non basta il digitale a spiegare la crisi
    Toys R Us è stato un luogo mitico dell’epoca consumista. Ora si appresta alla bancarotta. Molti dicono che è per la concorrenza dell’ecommerce. Ma è anche perché si è indebitata invece di rinnovarsi. Il retail non è soltanto un problema di retail: è anche un problema di relazione tra marchi, pubblico e logistica. Altri riescono […] The post Retroguardie. Toy […]
    Luca De Biase
  • Washington Post automatico
    A quanto dice Digital Trends, Heliograf ha già scritto 850 storie pubblicate sul Washington Post. Heliograf è un pezzo di intelligenza artificiale dedicato a fare giornalismo automatico. Vedi: Digital Trends – A ROBOT NAMED HELIOGRAF GOT HUNDREDS OF STORIES PUBLISHED LAST YEAR Washington Post – The Washington Post experiments with automated storytelling to h […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • When Generosity Means Saying “No”
     Pratibha A., Contributor Saying ‘No’ does not always show a lack of generosity and that saying ‘Yes’ is not always a virtue.” – Paulo Coelho To follow up on an earlier post, I wanted to take the time to address one of the most common myths surrounding generosity: that being generous means saying yes to […]
    Paulo Coelho
  • 30 SEC READ: A story by Kahlil Gibran
    I was strolling in the gardens of an insane asylum when I met a young man who was reading a philosophy book. His behavior and his evident good health made him stand out from the other inmates. I sat down beside him and asked: ‘What are you doing here?’ He looked at me, surprised. But […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

May 2009
M T W T F S S
« Jul   Jun »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

%d bloggers like this: