240 Cocktail in un’ora

Mi sono scioccata. Lo so che non dovrei, infondo sono “giovane” anche io, o meglio oggi siamo tutti “giovani”, dobbiamo esserlo. Ed essere “giovani” e intraprendenti, trendy, all’ultimo grido, attivi simpatici etc etc significa per lo meno partecipare agli happy hour milanesi. Così, proprio perché il mio pasto preferito è proprio l’aperitivo, decido di fermarmi a prenderne uno ed essendo sola, mi godo l’atmosfera e osservo. E’ un bar finto-spagnolo, che si chiama “La Hora Féliz” ma è proprio italianissimo, e pieno zeppo di persone giovani, appunto. Mi piace sedermi al bancone perché così mi ipnotizzo guardando i baristi che preparano i cocktails. Pozioni magiche colorate, allegre. Al bancone ci sono due ragazzi tutti e due biondi dalla pelle chiara, naturalmente uno pugliese e uno calabrese mentre li avrei scambiati per bresciani. Uno è alto e grosso, spalle possenti, muscoli pronunciati, un elastico tricolore stretto sull’avambraccio sinistro. Ha la faccia tonda e bambinesca, un codino sulla cima della testa che spunta come quelli delle capre (senza offesa, lui era molto carino). Scopro che si chiama Roberto. L’altro, Leo, piccolo e gracile, scatta come una lucertola che avesse mille braccia. Penso a Tom Cruise e penso che siamo passati ad altri tempi, ma il barman resta sempre sexy solo perché è barman. Dal bancone vedo bene tutti i bicchieri che vengono riempiti, mentre le cameriere passano volando fra i tavoli con i vassoi e ad ogni “Via!” dei due barman corrono al bancone a ritirare la comanda, che viene incollata di fronte al bicchiere bagnato di ghiaccio appena appoggiato. Mentre già i barman ricominciano a sfornare nuove composizioni, ananas, anguria, foglioline di menta che girano, ghiaccio pestato nei bicchieri, succhi e granatine vengono agitati, stappato lo spumante schizza tutto intorno, arriva una cameriera dai capelli corti e si ferma di fronte al banco, prende una cannuccia e la infila in un bicchierino colmo di un liquido giallognolo. “Ha sbagliato, ce ne sono già due di cannucce dentro” penso io, e infatti lei sfila la cannuccia. Lei, però, non la mette giù, ma se la ciuccia. “Troppo ginger, non sa di altro, cos’è?” Mi giro stupita. Roberto, quello grosso dal codino biondo le risponde “Analcolico secco” “Si ma alla prossima mettici meno ginger, ok?” Conclude lei. “Ma li assaggia tutti?” Domando io a quel punto. “No, solo quelli che mi sembrano nuovi e mi incuriosiscono”. Ah. Arriva poi Brigitte, la più bella del locale e sorride timida sotto un vassoio carico di Maxi-Cuba. Il mio sguardo si ferma. Sul Maxi Cuba. E proprio in quel momento lo shock mi coglie, improvviso, sbalorditivo. La misura del Maxi-cuba (cuba libre ) arriva dallo stomaco di Brigitte (tiene il vassoio all’altezza dello stomaco) alla sua fronte. Circa. Vero che Brigitte è di statura piccola, ma… A quel punto la mia attenzione si sposta di nuovo al bancone e sulle mani svelte dei due barman. Ognuno prepara almeno un cocktail ogni 30 secondi. E io resto lì un’ora. Quindi si tratta di circa 240 cocktails prepararti mentre sono lì, e di questi almeno un 30% sono maxi, ovvero valgono per 3 normali. Io mi sciocco. Perché quei due barman restano all’opera fino alle 2 del mattino e questo significa che anche se ci sono dei punti di calma, dalla 18.30 circa alle 2 del mattino questo semplice bar sfornerà almeno 1500 cocktails – contando che il bar non è enorme anche se non è piccolo. Ed è un tranquillo giovedì sera primaverile. Sono scioccata perché moltiplicando questo numero altrettanto per 4 visto che il bar si trova all’angolo di un quadrilatero dove ci sono altre 3 bar simili, beh, significa che in un raggio di 500 metri si sfornano almeno 5000 cocktails in una sera e a tutti sembra normale, anzi, non sarebbe normale se non fosse così. Non ci credo. Adesso vado in giro per Milano a contare i cocktail e le persone.

Advertisements

0 Responses to “240 Cocktail in un’ora”



  1. Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • Uber cerca di sostenere la sua valutazione virtuale
    Con tutti i guai che ha, Uber cerca di farsi confermare la megavalutazione virtuale di 68 miliardi di dollari. Ma non essendo quotata deve usare qualche trucco: vendere a sconto sul mercato secondario e vendere ad alta quotazione una piccola parte di azioni nuove (Bloomberg). L’Arabia Saudita aveva investito quasi 3.5 miliardi di dollari per […] The post Ube […]
    Luca De Biase
  • Goldman Sachs aumenta le trattazioni automatiche
    Goldman Sachs espande il numero di titoli obbligazionari che tratta in maniera totalmente automatica. Sono i bond più piccoli a quanto pare. I grossi affari sono seguiti ancora da esseri umani. Altri operatori, come Millennium Advisors, dicono di preferire ancora un approccio misto, nel quale le macchine servono di supporto ma le decisioni sono prese […] The […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • Onze Minutos (resumo)
    Quando estamos entre quatro paredes, terminamos por nos descobrir como animais assustados, inseguros, frágeis. O que deveria ser um momento mágico se transforma em um ato de culpa, de achar-se sempre aquém das expectativas dos outros. Esquecemos que esta é uma das poucas situações na vida em que a palavra ‘expectativa’ precisa ser banida por […] […]
    Paulo Coelho
  • Vacations
    Begona Miguel of the Huelgas Monastery says: “San Juan de La Cruz teaches us that silence has its own music; it is silence that enables us to see ourselves and the things around us. “I would like to add that there are words that can only be said in silence, odd as that may seem. […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

May 2009
M T W T F S S
« Jul   Jun »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

%d bloggers like this: