Autoimprenditorialità – en plein air

Siamo al parco, è quasi sera. Abbiamo steso una tovaglia di carta gialla sull’erba, acceso delle candele, sediamo beati alla frescura degli alberi con davanti un cestino pieno di leccornie da pic nic e la bicicletta appoggiata poco distante.
Peccato solo per le macchine parcheggiate poco più in là e il viale trafficato che scorre intorno al parco. Tutto non si può avere, d’altronde siamo a Milano e abbiamo organizzato tutto in un’ora. Siamo in tre, io, un’amica mia e un’amica sua. Abbiamo disposto tutto ed ecco che in lontananza vediamo comparire il quarto ospite, amico di amica mia. E’ un ragazzo lui. Arriva e ci porge 3 bei fiori rosa dal gambo lungo, uno a testa. Siamo quasi commosse. Pasteggiamo con una pasta corta ai frutti di mare e bottarga (tipico cibo da pic nic) annaffiata di vino rosso in bicchierini natalizi per festeggiare pasqua natale e compleanno…
La beatitudine è totale. Quasi. Si insinua improvvisamente un demone fra di noi. Una delle due ragazze, quella con gli occhiali persol dalla montatura di tartaruga marrone tanto grandi anni 70. Siamo all’inizio della cena e lei è talmente contenta che le viene un’idea. Commercializzare l’idea del pic nic in città e metter su un’attività, pubblicizzandola su facebook. La cosa parte sottotono, io penso che la finiranno presto di fantasticare. Invece no. Inizia coinvolgendo il ragazzo (che fa marketing) e l’amica mia si infiamma. Si. Diventeremo famose! Faremo soldi! Ma come? Creando un brand, un sito web, un social network, selezionando un target, realizzando una serata alternativa per persone che hanno voglia di situazioni nuove. E loro due le cuoche. Il ragazzo viene interpellato in qualità di realizzatore del piano di business. Lui la butta su di me, che malauguratamente mi occupo di pubblicità, ma non abbocco e resto vaga, ai margini della conversazione sperando che finiscano. L’idea però si ingigantisce e viene popolata di situazioni e spunti – ora, fossero per riderci sopra lo capirei ma no, si tratta di vere e proprie idee di “business” concreto. Finisco il vino. La pasta. Sorrido e mi soffio il naso per l’allergia. Attacco le fragole. Annuisco. Siamo arrivati al calcolo del guadagno. Alla prima data del magnifico evento che si chiamerà “En plein air”. Mi alzo. E? un po’ tardi ormai e mi incammino verso casa. Mi chiedo poi come sia possibile che dei ragazzi sotto i 30 anni si trovino a passare tutta la serata parlando di una cosa che non realizzeranno mai, con la convinzione di fare soldi, spendendo così tutto il tempo dedicato a quella bella “idea di business” senza approfittarne per conoscersi, stare vicini, condividere di sé stessi e divertirsi veramente.
E a quanto poco servano ormai le scuole di comunicazione visto che tutti ormai hanno capito come funzionano certi meccanismi “pubblicitari”, radicati nelle generazioni più giovani. Una società fatta sui brands e sul successo. Ma il pic nic perché lo avevamo fatto?

Advertisements

0 Responses to “Autoimprenditorialità – en plein air”



  1. Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • Pisa. Il knowledge management nella media ecology
    Ecco i primi contenuti del corso in “knowledge management” che tengo quest’anno all’università di Pisa. Il management, la gestione: etimologicamente e storicamente è l’interpretazione dell’educatore del cavallo e del cavaliere al maneggio. La conoscenza, un insieme di teorie, sperimentazioni, convinzioni, esperienze e regole di esperienza: formale – registra […]
    Luca De Biase
  • Ancora una volta: stupido è chi stupido fa
    Ancora una volta mi chiedono di commentare sulla possibilità che internet ci renda stupidi. Questa volta, con profondità maggiore del solito, se lo chiede il programma Moby Dick della Radio Svizzera Italiana. E questi sono i miei appunti. Stupido è chi stupido fa. Internet è la possibilità di accedere alle più ricche fonti di informazione […] The post Ancora […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • The divine melody
    Zaki heard Xa asking his friends what was the most beautiful sound on Earth. ‘The sound of the flute,’ said one. ‘Birdsong,’ said another. ‘A woman’s voice,’ said a third. They continued the discussion late into the night, without reaching any conclusion. Days later, Zaki invited Xa and his friends to supper. In the room […]
    Paulo Coelho
  • Which is the best example to follow?
    By Paulo Coelho Dov Beer of Mezeritch was asked: ‘Which is the best example to follow? That of the pious man who dedicates his life to God without ever asking why, or that of the erudite man, who tries to understand the will of the Almighty?’ ‘The best example to follow is that of the […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

More Photos
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

May 2009
M T W T F S S
« Jul   Jun »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

%d bloggers like this: