Quanti Saloni?

 

Green Energy Design alla Statale, inserito originariamente da Alice in Brandland.

Una Marca non dovrebbe mostrarsi ed agire in modo coerente, come entità definita ed univoca?
Al termine della principale vetrina dedicata al design (la prima che io abbia visitato interamente: tutta la fiera e il Fuori Salone!) ho avuto l’impressione che ci fosse una spaccatura piuttosto netta tra Fiera e Fuori Salone (e Satellite); non mi riferisco tanto alle modalità di fruizione degli eventi o alla tipologia di visitatori ma agli intenti.
E’ come se avessi assistito a due eventi paralleli: da un lato un nucleo di attori coinvolti in un dibattito culturale attorno al tema “Green Design”; dall’altro, gli espositori raccolti in fiera (qualche eccezione a parte), allineati su un certo tipo di gusto e logiche produttive.
I primi risultano spesso distanti da qualsiasi logica industriale-produttiva; non disdegnano, peraltro, di avvalersi di sponsorizzazioni da parte di grandi marchi anche non propriamente coinvolti nel Salone Internazionale del Mobile.
I secondi appaiono invece marginalmente interessati a tematiche di ampio respiro come l’innovazione sostenibile (ricordo che il Green Design era il tema di fondo di questo Salone).
Certo, parlavo prima di alcune eccezioni, (di cui non farò il nome) ma complessivamente non costituiscono una massa critica sufficientemente forte per dare l’impressione che il settore si stia muovendo in questa direzione.
I tempi non sono ancora maturi?
Mi sembra piuttosto che questo “Green” rappresenti ancora una nicchia di pochi attori specializzati, una sorta di elite culturale.
E’ anche vero, tuttavia, che questa elite ci ha spesso abituati a vedere bizzarre sperimentazioni che sfidano il gusto del pubblico e qualche sforzo in più dovrebbe farlo, ma non pensate che il green dovrebbe essere un tema trasversale a tutti?
Non mi è chiaro se, ancora, ad oggi, non sia un argomento economicamente interessante per l’industria del mobile o, più a monte, se il pubblico non abbia acquisito sufficiente consapevolezza per dimostrarsi sensibile al problema.
Manca un impegno serio e sinergico di tutti gli attori (pubblico compreso).
Per il momento solo alcuni designers sono concretamente impegnati in progetti “sostenibili” per i quali abbiano anche attivato delle collaborazioni con aziende.
Speriamo possano fungere da collante nel prossimo futuro tra il mondo della produzione industriale e quello della produzione culturale.

Stefano Vaccari

Advertisements

1 Response to “Quanti Saloni?”


  1. 1 aliceinbrandland 2008/06/03 at 9:04 AM

    ciao perché non ci aggiungi qualche link a progetti interessanti su questo tema?

    mi piacerebbe avere un’idea più chiara su come sono/come funzionano.
    forse come dice federico non si tratta tanto di vera innovazione quanto di business puro e semplice e di marca in quanto commerciale (sostenibile come tante altre cose fa moda).

    però ecco, magari, sono comunque una scintilla spia di un futuro lontano cambiamento…?


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • Un brutto giorno per la neutralità della rete
    La FCC di Trump ha demolito la protezione della neutralità della rete lasciando questo tema nelle mani degli operatori telefonici (LaTimes). Gli operatori dicono che non ne approfitteranno. Ma perché allora hanno voluto questa decisione?  Le motivazioni dei difensori della norma oggi abolita sono da leggere (Verge) Se gli operatori possono scegliere di dare […]
    Luca De Biase
  • A.I. una narrativa e una tecnologia
    La narrativa che parla dell’intelligenza artificiale come di una sorta di competitore dell’intelligenza umana, diventa argomento di romanzo – come nell’ultimo Dan Brown – il che va benissimo. Coltivare l’immaginazione su quello che può significare una macchina che sa pensare autonomamente è un’attività di enorme importanza. Ma le proiezioni immaginifiche non […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • The talking donkey
    A peasant was returning home when he saw a donkey in the field. “I’m not just any donkey,” said the animal. “I saw the messiah being born. I’ve lived for two thousand years and I am alive to give this testimony.” Alarmed, the peasant ran to the church and told it to the parish priest. […]
    Paulo Coelho
  • The mountain will tell me when I am old
    I have chosen a mountain to define my limits. In 1989 (I was just over 40yrs and I had already published The Alchemist and The Pilgrimage in Brasil), I was on my second sacred pilgrimage in the Pyrenees. I saw a mountain in the distance called Pic du Gez and I said, ‘okay, I have […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

May 2008
M T W T F S S
« Apr   Jun »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

%d bloggers like this: