il marketing è arte postmoderna

ci pensate mai al perché tante persone oggi si mettono a fare marketing?

perché quando fai marketing hai l’impressione di produrre qualcosa di tuo, quindi di lasciare un segno.

chiedendo senza insistenza che cosa portasse i ragazzi giovani a fare gli art director o i copy writer in pubblicità, le risposte più frequenti si riassumono così: “perché poi sono felice di poter vedere qualcosa che ho creato su un giornale o in TV”.

ebbene, anche i marketing assistant, i giovani account, e così tutta la catena, avranno oggi l’impressione di aver lasciato un segno, di aver diretto i lavori per la creazione di un’opera, seppure quest’opera sia monetizzata e abbia considerevoli limitazioni creative. ci ho pensato mentre una delle mie clienti, che ha la mia età, mi sembrava particolarmente soddisfatta durante il processo di creazione di una piccola scatoletta ricoperta di funghi, ricotta e farfalle da usare come contenitore per un prodotto dell’azienda da in cui lavora. l’ho sentita orgogliosa, mentre mi diceva “io ci metterei questo, e poi quello lo sposterei là…”. e mi chiedevo: ma perché è così felice di star dietro a questa noiosissima cosa?

l’ossessione di lasciare il segno l’uomo ce l’ha fin da quando è nato, e dalle pitture preistoriche, ai lunghi trattati scritti, alle opere digitali oggi tutto è diventato segno, anche se sovraprodotto e meno curato di quanto fosse nella preistoria.

se uno vuole fare l’artista, ma anche i soldi, oggi può ancora tentare la strada nel magico mondo del marketing, dove qualche cosa, da qualche parte, potrà creare e lasciare ai posteri, in segno della sua creatività.

Provocazione o realtà?

1 Response to “il marketing è arte postmoderna”


  1. 1 estrellita11 2008/05/17 at 6:46 PM

    ciao, dopo che hai lasciato un commento sul nostro blog..ho deciso di dare un’occhiata al tuo. Bè devo dire che i temi sono molto interessanti. Io sto cercando di portare avanti una rubrica di moda staccandomi proprio dall’idea che moda sia marca e basta. Vedo che voi siete già ben avviati,sono sicura che potremo scambiarci opinioni.Magari torna a leggere qualche articolo sul nostro blog.
    ciao, a presto spero.


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • Ripensando all’internet come architettura distribuita
    La centralizzazione della maggior parte del traffico in rete e delle risorse realizzata dal successo delle piattaforme private del nuovo millennio e delle operazioni dei servizi segreti pubblici è una tendenza rispettabile ma non definitiva e ineluttabile, viste tutte le conseguenze controverse che porta con sé (equità fiscale, rischi monopolistici, difficil […]
    Luca De Biase
  • Programma pro-verità per ecologisti dei media
    Nel mondo della post-verità, si diffondono molte notizie false. E parallelamente perdono credibilità le notizie vere. Semplicemente entrano nel grande minestrone. Il punto è che questo rende meno rilevante il lavoro di chi cerca notizie vere e di chi promuove valori autentici. Stiamo parlando di un problema che comincia ad essere risolto solo quando la […] T […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • Different wells in your heart (Hafez)
    There are different wells within your heart. Some fill with each good rain, Others are far too deep for that. In one well You have just a few precious cups of water, That “love” is literally something of yourself, It can grow as slow as a diamond If it is lost. Your love Should never […]
    Paulo Coelho
  • Peeling oranges
    Ernest Hemingway, the author of the classic The Old Man and the Sea, went from moments of harsh physical activity to periods of total inactivity. Before sitting to write pages of a new novel, he’d spend hours peeling oranges and gazing into the fire. One morning, a reporter noticed this strange habit. “Don’t you think […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

More Photos
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

May 2008
M T W T F S S
« Apr   Jun »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

%d bloggers like this: