Entriamo finalmente in Brandland

Che cos’è Brandland?

Il Paese della marca.

Che cos’è la “marca”?

Me lo spiegherete voi ch’entrate.

Ebbene si, da oggi si cambia musica, e anche pagina, e tutto quello che volete.

Stiamo preparando una piccola barca a rotelle per partire (le gomme sono della Pirelli, per le vele pensavo ad Prada o Marlboro, e il motorino mi piacerebbe tanto Ducati che è la marca che mi fa più cool).

(prova di barchetta)

Stiamo anche cercando uno sponsor per dare un po’ di eco all’iniziativa. Ma non aspettatevi Grandi e Altissimi Saggi in toga firmata e colbacco di visone, valigetta di Vuitton e occhialini Fendi che però non si vede la firma perché sennò fa pacchiano.

Spesso si discute di argomenti elevati in maniera tediosa. Altrettanto spesso le cerchie cosiddettte culturali sono esclusive. Ancora più spesso si diffonde la credenza che le cose alte, e i pensieri importanti, li facciano solo le grandi persone, e che poi li mettano in giro a disposizione degli altri che li riutilizzano senza poter profferire giudizio senon fra sé e sé.

Per molti non dico nulla di nuovo, per tutti comunque mi piacerebbe esprimere un piccolo pensiero del giorno.

L’incantevole Paese della Marca è nostro, e solo attivando i nostri sensi potremo trarne informazioni e spunti per il nostro stesso futuro. Credo che i personaggi de Le avventure di Alice nel Pese della Marca, possiamo essere tutti noi. Il Bianconiglio sarà una guida, perché dovremo tutti subire una piccola trasformazione per entrare in Brandland: sostanzialmente si tratta di montare sul capo delle antenne ricettive, di infilare lo spinotto dietro la nuca (citazione colta da Matrix) o, più semplicemente, di aprire gli occhi.

Chi, meglio di noi, se ben elettro-stimolato, potrebbe esprimere sensazioni sul mondo in cui vive?

A volte basta metterci un po’ di immaginazione, per vedere meglio quello che ci sta intorno. Questo è un intento, quello del “libro” vivente, che si riscrive tutti i giorni e non ha pagine ma piccoli mondi che si intersecano, in cui tutti ma proprio tutti possono diventare personaggi: non della fantasia, ma della loro stessa realtà, aiutati da Alice…

A presto per i prossimi passi e il primo tour dei primi coraggiosissimi personaggi…

Advertisements

0 Responses to “Entriamo finalmente in Brandland”



  1. Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • Retroguardie. Toys R Us e Rolling Stone. Non basta il digitale a spiegare la crisi
    Toys R Us è stato un luogo mitico dell’epoca consumista. Ora si appresta alla bancarotta. Molti dicono che è per la concorrenza dell’ecommerce. Ma è anche perché si è indebitata invece di rinnovarsi. Il retail non è soltanto un problema di retail: è anche un problema di relazione tra marchi, pubblico e logistica. Altri riescono […] The post Retroguardie. Toy […]
    Luca De Biase
  • Washington Post automatico
    A quanto dice Digital Trends, Heliograf ha già scritto 850 storie pubblicate sul Washington Post. Heliograf è un pezzo di intelligenza artificiale dedicato a fare giornalismo automatico. Vedi: Digital Trends – A ROBOT NAMED HELIOGRAF GOT HUNDREDS OF STORIES PUBLISHED LAST YEAR Washington Post – The Washington Post experiments with automated storytelling to h […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • When Generosity Means Saying “No”
     Pratibha A., Contributor Saying ‘No’ does not always show a lack of generosity and that saying ‘Yes’ is not always a virtue.” – Paulo Coelho To follow up on an earlier post, I wanted to take the time to address one of the most common myths surrounding generosity: that being generous means saying yes to […]
    Paulo Coelho
  • 30 SEC READ: A story by Kahlil Gibran
    I was strolling in the gardens of an insane asylum when I met a young man who was reading a philosophy book. His behavior and his evident good health made him stand out from the other inmates. I sat down beside him and asked: ‘What are you doing here?’ He looked at me, surprised. But […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

May 2008
M T W T F S S
« Apr   Jun »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

%d bloggers like this: