Subvertising e consumi: lo chiamavano il “doppio vincolo”

obsession

Siamo vittime e artefici del mondo dei consumi: e dobbiamo abituarci a questo. Oltre al fatto che per uscirne o migliorarlo senza diventarne schiavi o passivi assorbenti di informazioni, è fondamentale conoscerne i meccaniscmi. I rischi sono poi quelli di far critica rilanciando lo stesso mondo dei consumi: io porto una provocazione, e mi piacerebbe essere smentita.

“L’interferenza culturale, o culture jamming, è una pratica che consiste nel parodiare gli annunci pubblicitari e nel deturpare i cartelloni per alterarne drasticamente il messaggio. I «sabotatori» (jammer) ovvero i contraffattori di annunci pubblicitari partono dal presupposto che tutti hanno il diritto di rispondere a immagini che non hanno mai chiesto di vedere, dato che le strade sono spazi pubblici e dato che la maggior parte dei cittadini non può permettersi di controbattere ai messaggi lanciati dalle aziende con degli annunci propri”, (Naomi Klein, No Logo)
Le sottoculture sovversive del passato (parliamo degli anni del boom dei consumi) si sono appropriate di forti segni di identificazione – come facevano ad esempio i punk. Entravano in conflitto con un sistema in espansione ed adottavano metodi originali per protestare.
Oggi stiamo correndo verso una specie di vicolo cieco e simmetricamente sdoppiato. Oggi siamo costretti a conoscere i meccanismi della società dei consumi perché fanno parte di noi, anche se non ce ne rendiamo conto. Sono così tanto parte di noi che anche critici fanno uso delle forme di comunicazione dell’industria dei consumi, perdendo in gran parte la loro forza di proetsta.
Le culture giovanili contemporanee sono maturate nell’universo dei consumi. Esse sono caratterizzate dai movimenti di culture jamming, la cui forza sta nel riutilizzare gli stessi strumenti e gli stessi segni dell’industria del consumo, ormai affermata globalmente.
In questa scatola cinese della pubblicità risulta difficile distinguere le parti. E’ la stessa comunicazione delle grandi brands che offre ai jammers il materiale da manipolare per esprimere messaggi contrari a quelli della pubblicità aziendale. E così i jammers si fanno portatori di un messaggio simmetricamente opposto ad un altro, ma con gli stessi mezzi di comunicazione. Questa strana simmetria mette un dubbio: probabilmente, senza questi movimenti non esisterebbe nemmeno il tanto criticato mondo dei consumi.

Certo, bisognerebbe studiare meglio le forme di ospposizione culturale, ammetto di non essere così esperta in questo campo e non vorrei fare affermazioni troppo radicali…

Il mio dubbio però è legittimo e mi piacerebbe che qualcuno mi portasse verso una maggiore consocenza di questi fenomeni: oggi è possibile fare critica vera al mondo del consumo così com’è impostato oppure qualsiasi forma di comunicazione anche oppositiva è in realtà un prodotto dell’industria consumistica?

Advertisements

0 Responses to “Subvertising e consumi: lo chiamavano il “doppio vincolo””



  1. Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • Retroguardie. Toys R Us e Rolling Stone. Non basta il digitale a spiegare la crisi
    Toys R Us è stato un luogo mitico dell’epoca consumista. Ora si appresta alla bancarotta. Molti dicono che è per la concorrenza dell’ecommerce. Ma è anche perché si è indebitata invece di rinnovarsi. Il retail non è soltanto un problema di retail: è anche un problema di relazione tra marchi, pubblico e logistica. Altri riescono […] The post Retroguardie. Toy […]
    Luca De Biase
  • Washington Post automatico
    A quanto dice Digital Trends, Heliograf ha già scritto 850 storie pubblicate sul Washington Post. Heliograf è un pezzo di intelligenza artificiale dedicato a fare giornalismo automatico. Vedi: Digital Trends – A ROBOT NAMED HELIOGRAF GOT HUNDREDS OF STORIES PUBLISHED LAST YEAR Washington Post – The Washington Post experiments with automated storytelling to h […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • When Generosity Means Saying “No”
     Pratibha A., Contributor Saying ‘No’ does not always show a lack of generosity and that saying ‘Yes’ is not always a virtue.” – Paulo Coelho To follow up on an earlier post, I wanted to take the time to address one of the most common myths surrounding generosity: that being generous means saying yes to […]
    Paulo Coelho
  • 30 SEC READ: A story by Kahlil Gibran
    I was strolling in the gardens of an insane asylum when I met a young man who was reading a philosophy book. His behavior and his evident good health made him stand out from the other inmates. I sat down beside him and asked: ‘What are you doing here?’ He looked at me, surprised. But […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

April 2008
M T W T F S S
« Mar   May »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

%d bloggers like this: