Ikea: iperconsumo o nomadismo ?

Pare che l’uomo sia destinato a tornare ad essere nomade.
Chi di noi non ha mai fatto un trasloco nella sua vita?
Modernità liquida, nomadismo antropologico, compressione spazio temporale, cyberspazio.
Architetti e designers si confrontano già da qualche anno ormai su questa tematica, dando forma a
spazi polisemici, architetture dai margini diffusi, involucri osmotici, oggetti ibridi ed interconnessi.
Lavorano sui concetti di temporaneità, emergenza, smaterializzazione, portabilità, connessioni fisiche e virtuali (interfacce).
Sono interventi che restano pressochè confinati nell’ambito di fenomeni culturali di nicchia o manifesti di una qualche teoria a noi oscura.
I traslochi, invece, li ricordi gioiosamente uno per uno.
Io, tra i miei e quelli di conoscenti, ho raggiunto quota 7.
Con uno scarto concettuale non indifferente, possiamo affermare che, questa, nel nostro piccolo, sia l’esperienza più concreta che abbiamo di nomadismo?
A questo punto mi verrebbe quasi voglia di ringraziare l’Ikea, per gentile concessione della quale mi sento partecipe delle teorie del divino Bauman.
Sì, perché proprio l’Ikea ha agevolato notevolmente i nostri spostamenti corporei alleviando, nel migliore dei casi, anche quelli antropologici.
Prodotti a basso costo, facilmente assemblabili e trasportabili; certo traballano un po’ ma ci adattiamo…
Purtroppo da qualche giorno (dopo l’ultimo, recentissimo trasloco) mi si è insinuato un dubbio maligno.
E se, in barba a filosofi-sociologi-architetti-designers fosse proprio l’Ikea a farsi interprete, al meglio, delle esigenze di noi studenti/neo-laureati nomadi ? L’accessibilità (nel senso di democraticità) sembra essere la sua carta vincente. Di fatto l’Ikea rappresenta per molti di noi l’unica possibilità per arredare/corredare di quel minimo indispensabile il nostro spazio abitativo temporaneo
(a questo proposito chi può dire di essersi già sistemato alzi una mano…).
Secondo me, c’è anche di più: paese che vai Ikea che trovi.
Il nostro è un nomadismo deformato dal modello di consumo della nostra società.
I veri nomadi trasportano gelosamente con loro le poche cose, preziose, che hanno; noi, a volte, abbandoniamo sedie, letti, stoviglie, nel luogo di partenza per riaquistarli nel luogo di arrivo.
Ovviamente alla filiale Ikea più vicina…(magari gli stessi…)
Ho sempre identificato l’Ikea come un simbolo della società dell’iperconsumo, dell’usa e getta, deprecandola come modello culturale (spesso copiano) e di consumo (pessima qualità); eppure allo stesso tempo mi rendo conto di quanto la nostra generazione abbia attinto dagli scaffali dei suoi megastores.
Che ne pensate?

Stefano Vaccari

4 Responses to “Ikea: iperconsumo o nomadismo ?”


  1. 1 aliceinbrandland 2008/04/12 at 3:10 PM

    mi viene in mente un cosa, così a prima lettura: IKEA si posiziona con il target “prima casa”, “giovani” single o coppie.
    tutto è calcolato. a seguire altre aziende a costo/qualità maggiore si rivolgono ad altri target. il nostro nomadismo è interpretato ma anche sospinto da aziende come queste.

  2. 2 aliceinbrandland 2008/04/12 at 6:26 PM

    Quindi la risposta è tutti e due: iperconsumo e nomadismo.
    Tuttavia il fatto che Ikea possa sospingere questo stile di vita nomadico mi sembrava tutt’altro che scontato, per alcune ragioni:

    1) Ikea nasce in Svezia negli anni Quaranta intorno all’idea di “design democratico”, accessibile a tutti. Concetto tipicamente scandinavo, direi quasi opposto allo spirito del design italiano. Quindi non prodotti privi di qualità a prezzi bassi per gente squattrinata e alla prima sistemazione, ma prodotti di design accessibili in un paese (la Svezia) molto ricco, con redditi pro-capite elevati e differenze di ceto appiattite. La differenza è sottile ma c’è. Nasce quindi con intenti diversi; questo nomadismo di cui si parla è poi un fenomeno recente. Ecco possiamo dire che si sono fatti interpreti di questo trend.

    2) la peculiarità della situazione italiana e di conseguenza la percezione che abbiamo noi di Ikea potrebbe non essere la stessa in altri paesi dove per ragioni culturali o economiche lo stesso marchio si impone diversamente sul mercato. Esempi:

    – in Svezia (paese d’origine) e nei paesi scandinavi (da sempre nell’orbita culturale svedese) la percezione potrebbe essere simile a quella che abbiamo noi di un’istituzione storica come la Fiat, che ha sempre puntato su una fascia di mercato bassa creando tuttavia delle icone ancora adesso celebrate e rivisitate, simbolo dell’italian way of life.

    – negli Stati Uniti, dove per ragioni culturali il gusto nell’arredamento non è proprio sviluppato come quello europeo (basta guardare il ristretto numero di aziende design oriented) e trionfa spesso il kitsch. Qui l’Ikea potrebbe rappresentare un modello di riferimento per un target elevato per i loro standard o un fenomeno di moda d’importazione

    – in paesi come la Polonia o alcuni paesi del Far East, dove per ragioni economiche (redditi bassi) Ikea potrebbe rappresentare una scelta in qualche modo elitaria o, anche qui, un fenomeno di moda d’importazione

  3. 3 Mircea 2008/04/13 at 5:59 PM

    Io non sono edotto perfettamente su quanto Ikea sia radicata fortemente negli altri paesi europei ed extraeuropei. Non mi sembra lo sia tanto. In Italia lo è e quindi la tua analisi mi sembra si riferisca e sia consona soprattutto alla realtà italiana. Questo al di la del discorso sul “nomadismo” in generale. Mi sembra inoltre – e perdonami se mi viene da pensarlo – che il tuo discorso sia una pubblicità gratuita all’Ikea….

  4. 4 stefano vaccari 2008/04/14 at 11:49 AM

    Nemmeno io conosco effettivamente la situazione nei paesi esteri citati, faccio delle ipotesi a sostegno della tesi.
    Certo l’indice di crescita e la sua diffusione quasi endemica mi portano a pensare che sia abbastanza radicata o lo sarà in breve tempo.
    E’ comunque vero che l’articolo iniziale era centrato sulla situazione italiana; non era assolutamente mia intenzione, invece, fare della pubblicità gratuita (il “quasi ringraziare” è in corsivo per questo motivo), ma, credo che per la natura degli argomenti trattati in questo blog sia difficile aggirare l’ostacolo…resto comunque convinto, come scrivo in fondo all’articolo, che, il modello Ikea non mi piaccia; non condivido il loro approccio attuale: per deontologia professionale (sono un designer) credo che la qualità dei prodotti sia imprescindibile; credo inoltre nel rispetto della paternità intellettuale delle idee (Ikea ci ha spesso abituati a vedere dei classici del design scandinavo bellamente copiati).


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • For a better curated media environment
    A republic is its rational institutions. A democracy is its informed citizens. Institutions are platforms enabling citizens to decide by following a non-violent process of deliberation and voting. Citizens who know and accept their institutions in their rationality have something fundamental in common: they then can divide on opinions, but they live in the s […]
    Luca De Biase
  • L’anticorruzione nella spesa informatica pubblica
    Un comunicato stampa di oggi fa pensare che finalmente si prendono in considerazione alcune possibili distorsioni della spesa pubblica in informatica, circa 5 miliardi all’anno (con logiche in movimento in seguito alla finanziaria dell’anno scorso). Digitalizzazione nella P.A. , Coppola incontra Cantone Il presidente della Commissione di inchiesta a colloqui […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • The magic of the yes
    by Mia Zamora BEING an only child with overprotective parents, I grew up using “No” as my default answer to everything. Let’s go outside and play in the rain? No. Let’s ride a boat to the deep part of the sea and jump in? No. Let’s play hooky at school and go to the mall […]
    Paulo Coelho
  • 10 Success lessons from Paulo Coelho – “The Alchemist” for entrepreneurs
    by Biplap Gosh 1. Rejection doesn’t matter Paulo believed in himself. He believed that he was a good poet and that his poems were not suitable for small magazines. So he sent his poems to the ‘Escritores e Livros,’ a reputable literary column in a newspaper called Correio da Manha. But the newspaper humiliated him. […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

More Photos
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

April 2008
M T W T F S S
« Mar   May »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

%d bloggers like this: