La corsa al green gadget

solarrazor at Jill’s Eco Store, inserito originariamente da Alice in Brandland.

Di recente ho scoperto navigando nella rete quanto sia inflazionato il concetto di sostenibilità.
Sulla bocca di tutti, strautilizzato anche dai media; mi sembra che parte degli attori coinvolti cavalchino a sproposito l’onda del mercato emergente che vi ruota attorno.
Molti siti tematici che si occupano di design e sostenibilità presentano nelle proprie pagine dispositivi di vario genere (per lo più elettronici) volti a promuovere un consumo responsabile delle risorse energetiche. Vengono definiti “green gadgets”.
Fin qui nulla di male, se non fosse che spesso ci troviamo di fronte ad oggetti che inventano risposte a bisogni/problemi a mio avviso inesistenti.
Un rasoio elettrico a batterie solari, una radio alimentata da una dinamo a manovella, congegni per interrompere l’erogazione di corrente agli elettrodomestici lasciati in stand-by o che monitorano i consumi in tempo reale, zaini equipaggiati con pannelli solari per ricaricare eventuali dispositivi trasportati all’interno e molto altro.
Ho trovato perfino classifiche dei gadgets più desiderati dal pubblico e concorsi di progettazione per nuovi green gadgets.
Sembra che esista un consorzio del green gadget.
E c’è una vera e propria predilezione per i dispositivi alimentati ad energia solare.
Ma fermiamoci un attimo a riflettere: abbiamo veramente bisogno di ulteriori congegni elettronici che ci dicano quando consumiamo troppo o, ci troviamo di fronte all’ennesimo fenomeno commerciale che fa leva sulla nostra propensione al consumo? Non vi sembra un piccolo controsenso parlare di sostenibilità incentivando comunque il consumo di “qualcosa”? Ci siamo, peraltro, scordati che anche per produrre quei gadgets servono energia e materia? E quando dico energia intendo risorse naturali ma anche energia cerebrale che potrebbe essere meglio impiegata. In un paese come il nostro dove si fatica a fare la raccolta differenziata, dove grandi quantità d’acqua potabile vengono impiegata per usi agricoli/industriali e scarichi domestici e dove il mezzo di trasporto più utilizzato resta ancora quello privato, non sarebbe meglio iniziare con un po’ di buon senso per limitare gli sprechi? La sostenibilità è prima di tutto un fatto compotamentale, un atteggiamento etico del singolo individuo: non cerchiamo sempre la risposta nell’
oracolo tecnologico, delegando di fatto le responsabiità a grosse organizzazioni aziendali.

Stefano Vaccari

Advertisements

1 Response to “La corsa al green gadget”


  1. 1 Andthink 2008/04/11 at 3:10 PM

    Ne discutevamo l’altro giorno con i colleghi…eravamo giunti alle tue stesse conclusioni. Valutando anche dal punto di vista meramente economico uno di quei dispositivi per lo spegnimento remoto della tv. Non mi ricordo esattamente ma ci volevano anni per ammortizzare il costo (in euro) di tale dispositivo, senza contare quanta plastica ed energia occorrono per costruirne uno…
    Disgustorama (cit. Fontecedro)


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




Would you take the red pill and fall through the rabbit hole?

aliceinbrandland@gmail.com
Follow lilit_a_bnsg on Twitter

tweet tweet

Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

RSS Luca De Biase

  • Il territorio per il lavoro del futuro
    Una dimensione che si rivela fondamentale per affrontare il tema del lavoro del futuro è quella territoriale. Il territorio è il luogo delle relazioni più intense tra la tradizione e l’innovazione, tra le imprese e le università, tra le istituzioni e la società. Se funzionano queste relazioni consentono di mettere insieme quel poco che si […] The post Il ter […]
    Luca De Biase
  • Intelligenze più o meno artificiali
    Una delle scoperte che molti osservatori neofiti – come la maggior parte di noi – dell’intelligenza artificiale hanno fatto in questi ultimi tempi è che una gran parte delle cose che i computer sanno e sui quali esercitano la loro capacità di “apprendere” viene dagli umani. Da una parte si tratta di tutto il sapere […] The post Intelligenze più o meno artifi […]
    Luca De Biase

RSS Paulo Coelho

  • Elk-Shaped Structure Discovered in Russia
    A huge geoglyph in the shape of an elk or deer discovered in Russia may predate Peru’s famous Nazca Lines by thousands of years. The animal-shaped stone structure, located near Lake Zjuratkul in the Ural Mountains, north of Kazakhstan, has an elongated muzzle, four legs and two antlers. A historical Google Earth satellite image from […]
    Paulo Coelho
  • 20 sec reading: the giant tree
    By Paulo Coelho A carpenter and his apprentices were travelling through the province of Qi in search of building materials. They saw a giant tree; five men all holding hands could not encompass its girth, and its crown reached almost to the clouds. ‘Let’s not waste our time with this tree,’ said the master carpenter. […]
    Paulo Coelho

RSS Rebecca Walker Blog

Bookmark and Share

some color

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
segnala il tuo blog su blogmap.it

year after year

April 2008
M T W T F S S
« Mar   May »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

%d bloggers like this: